LANG

Recensione SmashGrid su IndieGraph (traduzione)

IMPRESSIONI DI GIOCO - SMASHGRID

(una traduzione in italiano dell'originale recensione in inglese che puoi trovare QUA)

 

Generalmente, i giochi rompicapo li trovo snervanti. Eppure, mi piace sempre giocarci. Sono capitato per caso su SmashGrid su Twitter (Nota di Mauro: credo intendesse Facebook, visto che l'account su Twitter non ce l'ho ancora!), incuriosito dalla grafica particolarmente sgargiante. Non avevo mai giocato prima d'ora ad un puzzle-game di tipo matematico, perciò ho pensato di darci un'occhiata... L'obiettivo di ogni livello consiste nel sommare due numeri dalla parte superiore del gioco, così da ottenere uno dei numeri nella parte inferiore. Ogni numero scelto può essere usato solo una volta, quindi il punto è che, per completare la griglia, bisogna usare la perfetta combinazione di somme (Nota di Mauro: si può comunque tornare indietro sulle proprie scelte). Date uno sguardo al sito di Mauro Giubileo: io ho giocato soltanto la versione "free", ma nel video sul sito vengono mostrate sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni e varie combinazioni per un totale di 118 livelli.

Cosa ha destato la mia attenzione

Come già detto, la grafica è sgargiante. Ogni bottone risplende di un bagliore verde, blu o rosso su un fondale nero, conferendo al gioco quel look fico da film sugli hacker degli anni '90. I numeri sono chiari e nitidi; la disposizione dei bottoni funziona alla grande. I controlli sono semplici: un tocco per selezionare, due tocchi per de-selezionare. In sottofondo c'è un'unica traccia musicale continua... Era così piacevole e lunga da non farmi notare quando reiniziava daccapo e, in ogni caso, ero troppo occupato a concentrarmi sul gioco per farci caso (Nota di Mauro: in realtà le tracce musicali sono 3 che si susseguono in loop. Sono 6 nella versione Full. Qualcuno, come l'autore di questa recensione, potrebbe pensare che sia un'unica lunga track semplicemente perché ho scelto i pezzi in modo tale che si combinino molto bene fra di loro).

Mi sono sentito intelligente!

Essendo che era da tanto tempo che non facevo esercizi matematici, sono rimasto molto colpito da quanto rapidamente riuscissi a risolvere alcuni degli schemi. O lo sviluppatore deve aver progettato davvero molto bene il generatore random dei livelli, oppure la difficoltà ben si adattava alla mia intelligenza. Il gioco all'inizio non mi era sembrato né troppo facile, né troppo difficile... Tuttavia, arrivati intorno alla metà, la difficoltà subisce un'impennata improvvisa quando l'algoritmo inizia ad includere più possibili combinazioni per ostacolarti.

Poi mi sono sentito idiota...

Ogni livello è seguito da un altro con conto alla rovescia, nel quale devi risolvere lo schema entro un tempo prestabilito. In alcuni dei livelli a tempo più difficili mi ci sono voluti un bel po' di tentativi per superarli. Alla fine sono arrivato ad un livello dove il semplice riprovare in continuazione non era più sufficiente per superarlo... Io da bambino ero abbastanza bravo in matematica, perciò non riesco ad immaginare quanto la curva della difficoltà possa essere ripida per le persone meno predisposte a fare di conto. Oramai stavo per arrendermi...

Poi mi sono sentito di nuovo intelligente!

Ad un certo punto ho scoperto che per risolvere gli schemi è necessario andare per esclusione e considerare le probabilità. Ad esempio, supponiamo di avere un 75 e che le somme da ottenere rimaste siano 36, 52 e 83. Allora si può ragionevolmente assumere che il 75 debba essere sommato con un 8 per fare 83 (Nota di Mauro: altrimenti quel 75 non lo si potrebbe più utilizzare perché rimarrebbero 36 e 52 come somme possibili, che però sono inferiori al 75... In effetti qua ci sarebbe voluta una foto per capire bene la situazione). Alcuni casi come questo sono ovvi, altri non lo sono così tanto, ma almeno non sono impossibili.

Cosa ha distolto la mia attenzione

Sebbene i livelli con conto alla rovescia rendano il gioco più avvincente, ho iniziato a provare una certa monotonia nel passare da "livello senza timer" a "livello con timer" e così via. E poi, i livelli a tempo non mi sono piaciuti tanto quanto quelli normali. Ricordo che un mucchio di volte mi è venuta voglia di uscire quando il prossimo livello era con timer. Credo che la modalità Maratona sia una buona idea e che in quel caso il timer ci stia alla perfezione. Ma forse ci sarebbe dovuta esser una terza modalità di gioco, completamente priva di timer.
Probabilmente questo riguarderà gran parte dei giochi di matematica ma, ad un certo punto, il cervello di una persona non ce la fa più a fare calcoli in continuazione. Ho potenziato molto le mie capacità attraverso il gioco e forse sarà anche per questo che mi sento come dopo aver superato un duro esame a scuola piuttosto che aver giocato ad un videogame (Nota di Mauro: non eri mica costretto a giocarci tutto d'un fiato fino a finirlo! Evidentemente t'è piaciuto molto... :D).

Impressione complessiva: "Un lavoro ammirevole"

E' un gioco apprezzabile. Riesce ad ottenere quello che si era prefissato e, considerando che si tratta del primo gioco di Mauro, costituisce un gran bel risultato. Mi ci sono voluti dai 30 ai 40 minuti per completare la versione free, perciò la Full dovrebbe dare diverse ore di sfida matematica.

###

Un caloroso ringraziamento a Tuan, l'autore di questa dettagliata recensione.

Mauro Giubileo